CON IL 2016 ANCHE LA SVIZZERA CON ELLINT: GRAF & PARTNER IL NUOVO STUDIO.

Lexellent, la boutique giusalvorista 2.0, annuncia l’ingresso di un nuovo membro all’interno del network Ellint: gli svizzeri Graf & Partner.
Lo studio, con base a Zurigo, è guidato dal Founding e Managing Partner Hans Jörg Graf che porta con sé una lunga esperienza sia a livello nazionale sia internazionale in materia di Diritto del Lavoro, offre pertanto la propria consulenza nella redazione di contratti di lavoro dipendente e executive, di programmi di incentivazione, nei licenziamenti collettivi e individuali, nelle ristrutturazioni e riorganizzazioni nonchè nell’assistenza giudiziale. In studio si parla correntemente tedesco, inglese e francese.
“Aspettiamo con ansia il 2016 per vedere formalizzato il nostro ingresso in Ellint, un network molto dinamico – composto da studi specializzati in Diritto del Lavoro e riconosciuti a livello internazionale,” dice Hans Jörg Graf. “Questo passo è visto molto positivamente dai nostri clienti che ricercano una consulenza di alto livello nella gestione del personale anche oltre i confini svizzeri.”
“Hans e tutto il suo gruppo di lavoro si inseriscono perfettamente in Ellint – non solo dal punto di vista professionale ma anche personale,” dice Marc Vogel membro del consiglio direttivo del network nonchè partner dello studio olandese. “Lavorare sull’aspetto legale della gestione delle risorse umane richiede ben più di una profonda conoscenza della legge. Oltre ad un approccio professionale è necessario quello umano. Questa è la mission di Ellint … ed è per questo che Graf & Partner è in perfetta sintonia con il network e con il suo processo di crescita internazionale.”
Graf&Partner_Logo_einzeln

ELLINT CRESCE NEL CUORE DELL’EUROPA.

Diritto 24 / Link all’articolo

ELLINT CRESCE NEL CUORE DELL’EUROPA: DAL 2016 UN NUOVO MEMBRO BELGA | SOTRA.

Lo studio Lexellent, specializzato in diritto del lavoro nonchè socio fondatore del network Ellint, annuncia che dal 2016 la rete di boutique giuslavoriste potrà contare su un nuovo membro in Belgio, lo studio Sotra.

Sotra

Fondato nel 2014, con uffici a Bruxelles e Namur, lo studio si presenta già con ottime credenziali a livello internazionale infatti sia Chambers sia Legal 500 ne hanno riconosciuto la qualità nell’ambito del diritto del lavoro.

Lo studio Sotra è riconosciuto per la consulenza offerta nell’ambito della gestione delle risorse umane, della mobilità internazionale, dell’European Works Council, e poi su contenziosi, negoziazioni, previdenza, questioni fiscali relative al lavoratore, sia nel settore pubblico sia privato.

“Sotra lavora con un’ampia gamma di aziende in Belgio,” dice il fondatore Olivier Rijckaert, “dalle start-up e PMI fino alle multinazionali e alla pubblica amministrazione. Entrare a far parte di Ellint consente di dare una dimensione internazionale alla nostra attività – e soprattutto – di offrire ai nostri clienti un supporto che va oltre i confini nazionali.”
“Siamo entusiasti che uno studio così dinamico sia diventato membro di Ellint. Visto che Bruxelles è il cuore dell’Unione Europea in termini di diritto, è sciuramente un mercato interessante per i clienti che, quindi, trarranno beneficio dall’ avere un consulente di fiducia in Belgio,” dice Antonio Pedrajas, membro del consiglio direttivo di Ellint nonchè partner dello studio spagnolo Abdón Predajas & Molero. “E la crescita di Ellint non è finita, continuerà a livello internazionale nei prossimi mesi.”

CORPORATE LIVEWIRE: EMPLOYMENT LAW FIRM ITALY – 2015.

Corp LiveWire - 2015 Award LogoL’eccellenza premia: 2015 Employment Law Firm of the Year – Italy
Milano, 16 novembre 2015: Lexellent, grazie al suo impegno nell’ambito del diritto del lavoro, porta a casa un altro riconoscimento internazionale: Corporate LiveWire, ha infatti attribuito allo studio il premio Employment Law Firm of the Year – Italy.
I premi legali di Corporate LiveWire, riconosciuti nel mondo, sono stati creati per dare spazio alla comunità forense internazionale. Leah Jones, uno dei responsabili del premio ha così commentato: “I vincitori del Corporate LiveWire Legal Award hanno dimostrato di avere un alto profilo e di essere guidati da una forte motivazione al fine di raggiungere obiettivi importanti all’interno del settore legale…”
“Questo encomio rafforza la posizione dello studio all’interno del mercato – è uno studio vincente,” così afferma il Managing Partner Sergio Barozzi. “Lexellent si differenzia grazie al suo modello innovativo – una boutique 2.0 specializzata in diritto del lavoro – un successo soprattutto per i nostri clienti! Un particolare ringraziamento alla giuria che ha voluto riconoscere allo studio queste prerogative.”

LEXELLENT OFFRE AI CLIENTI CORSI SULLA SICUREZZA PER RENDERE LA VITA DIFFICILE AI TERRORISTI CHE ATTACCANO L’AZIENDA.

Diritto 24 / Link all’articolo

REVISIONE DEL DVR.

Ci permettiamo di segnalarle che a seguito dei tragici avvenimenti avvenuti a Parigi sarebbe consigliabile assumere alcune iniziative volte ad incrementare i livelli di sicurezza aziendale. Si tratta peraltro di misure che potrebbero avere un positivo impatto in termini di sicurezza in generale oltre che di prevenzione di fenomeni di terrorismo.
Fare cultura della sicurezza è il primo strumento per combattere il terrorismo: il nemico, infatti, non è soltanto il fanatismo che arma un kalashnikov o una cintura esplosiva, ma è anche il fatalismo, l’approccio meramente burocratico, la paura del ridicolo, tutto questo paralizza iniziative di prevenzione. Molti rischi e molte paure potrebbero essere evitati se ci si liberasse da questi pericolosi nemici che rendono inefficaci molte misure di sicurezza.
In particolare, per quello che concerne il rischio terrorismo, questo è vero per i luoghi aperti al pubblico, le aree di sosta e ristoro lungo le autostrade, i bar e ristoranti nelle stazioni, i grandi centri commerciali, gli eventi pubblici di
qualsivoglia tipo, le società di trasporto, anche su gomma, oltre agli obiettivi tradizionali: scuole private, redazioni di giornali, radio e televisioni, stabilimenti chimici, aziende con depositi di materiali inquinanti o comunque
pericolosi ( liquidi, fumi, etc.) . Proprio per questo le segnaliamo che sarebbe consigliabile per le direzioni del
personale rivedere il DVR (Documento di Valutazione dei Rischi) che non può più essere visto come un mero esercizio burocratico, ma diventa la base per aggiornare le proprie procedure di sicurezza alla luce delle nuove minacce che non riguardano più solo gli obiettivi “sensibili”.
Qui di seguito alcuni suggerimenti operativi:
– Individuare un punto di ritrovo interno all’azienda in caso di allarme bomba (è molto più facile per un terrorista colpire le persone di un’azienda quando escono e stazionano sul marciapiede di fonte all’edificio che dentro l’edificio stesso);
- Un “luogo sicuro” in caso di irruzione;
- La possibilità di sezionare ed isolare i locali in modo da ritardare eventuali assalitori;
- Scale di emergenza a prova di irruzione;
- Procedure di evacuazione collaudate frequentemente;
- Controllo degli accessi più rigoroso, da tenersi in aree da cui sia difficile accedere all’interno dello stabile;
- Portinerie ed accessi dotati di vetri antiproiettile, antisfondamento e porte di sicurezza
- La possibilità di dare ospitalità a chi si trovi all’esterno e sotto attacco;
- Predisporre un piano di irruzione nell’edificio in caso di attacco con possibilità per le forze dell’ordine di reperire rapidamente piantine aggiornate degli edifici;
- Individuazione di referenti per le forze dell’ordine in grado di fornire informazioni sulla struttura degli uffici, la viabilità interna etc.;
- Procedure sui numeri di emergenza in caso di pericolo e regole sull’uso dei telefoni cellulari e le persone da contattare o da non chiamare in caso di pericolo;
- Sensibilizzazione dei dipendenti sulla necessità di segnalare in modo corretto e senza creare inutili allarmismi pacchi o valigie sospette, auto e furgoni “anomali”, la presenza ricorrente di estranei sospetti;
- Formazione specifica sulla gestione di situazioni di pericolo quali bombe, colpi d’arma da fuoco, coltelli etc. Ad esempio può essere vitale sapere che è più difficile costituire un bersaglio se ci si muove, se si è a distanza e se si studia l’angolo tra obiettivo e tiratore, la capacità di tiro di un’ arma, sapere realizzare la differenza tra un nascondiglio, che cela l’obiettivo agli occhi del killer, e un riparo che può anche proteggere da eventuali colpi di arma da fuoco e di quale arma. Infatti, senza essere coscienti di tutto ciò si può rischiare di passare da una situazione relativamente sicura ad una esposta.
Lexellent è a sua disposizione per fornirle tutto il supporto necessario e non mancherà di tenerla informata circa i prossimi incontri di formazione che organizzeremo su questo argomento.

promozione dell’occupabilità di disabili e giovani alla luce del jobs act.

Diritto 24 / Link all’articolo

Elettronica e Jobs Act: consentito il monitoraggio, ma solo nel rispetto della privacy .

Harvard Business Review / Link all’articolo

PROMOZIONE DELL’OCCUPABILITÀ DI DISABILI E GIOVANI ALLA LUCE DEL JOBS ACT.

A seguito dell’ultimo incontro della serie “Il Titorid del Valoro è un Enigma?” i diversi relatori hanno messo a disposizione le slide relative ai propri interventi.
Giovani e lavoro: quali novità normative? Avv. G. Bergamaschi . Lexellent
Disabilità sul lavoro fra Jobs Act e giurisprudenza Prof. F. Bacchini – of counsel Lexellent
I risultati del McKinsey Global Institute Avv. A. Rovescalli – Lexellent
Il lavoro che include: l’esperienza di DiversitaLavoro A. Radice – Sodalitas
Fondazione Adecco per le Pari Opportunità G. Rossi e L. Ciardiello – Fondazione Adecco

SMART WORKING, CON LE NUOVE NORME UN SALTO DI QUALITA’.

La Repubblica – Affari & Finanza / Link all’articolo